Scuola di Alpinismo Giovanile

della Provincia di Sondrio

"Luigi Bombardieri-Nicola Martelli"




PERSONAGGI



Hervé Barmasse

 

Le montagne non si conquistano, decidono di farsi conoscere, salire, attraversare; da soli, in cordata, per una via nuova o in inverno, perché hanno bisogno della compagnia dell’uomo. E se sei abbastanza sensibile e fortunato, forse saranno loro a rubarti qualcosa, il tempo, i sogni, il cuore e a regalarti grandi emozioni.

 

Hervé Barmasse è un alpinista, autore del libro La montagna dentro e regista dei film Linea Continua eNon così lontano. Nasce ad Aosta il 21 dicembre del 1977 in una famiglia segnata da una lunga tradizione e passione per la montagna. Guida alpina del Cervino da quattro generazioni, il suo nome è legato a importanti ascensioni. Itinerari di grande difficoltà realizzati in tutto il mondo, come la via nuova aperta in solitaria sul Cervino, la prima ascensione della liscia lavagna granitica del Cerro Piergiorgio e la nuova via sul Cerro San Lorenzo in Patagonia, la prima salita del Beka Brakay Chhok in Pakistan e altre ancora. Sulla sua montagna di casa, il Cervino, Hervé ha lasciato in modo incisivo la sua traccia fino a diventare l’alpinista che, tra vie nuove, prime invernali e prime solitarie, ha compiuto più exploit.
Per la sua attività ha ottenuto importanti riconoscimenti tra i quali si ricorda il Premio Sport e Civiltà 2015 e il premio accademico del CAI Paolo Consiglio ricevuto quattro volte.
Secondo Hervé Barmasse la montagna non è il teatro di gesta eroiche, ma un luogo dove poter vivere grandi emozioni attraverso un confronto onesto con la natura. Un messaggio che trapela chiaramente nelle sue conferenze dove ad accompagnare le sue parole, ci sono immagini spettacolari e suggestive, a testimonianza di un’altra sua grande passione, la fotografia e il cinema di montagna.Nel 2010, alla sua prima esperienza come regista, esce con Linea Continua. Un film che racconta l’apertura di una nuova via sul Cervino, realizzata insieme al padre Marco. Nel 2012 è la volta di Non così lontano, un film documentario che racconta Exploring the Alps il progetto che l’ha visto protagonista nel 2011 con l’apertura di tre nuove vie – sul Monte Bianco, sul Monte Rosa e sul Cervino – e che dimostra come anche sulle Alpi, ci sia ancora spazio per l’avventura e che il valore dell’esperienza non dipende dalla montagna che si scala ma dagli occhi dell’alpinista.
Linea Continua e Non così lontano, hanno vinto importanti riconoscimenti internazionali dalla Russia al Sud America, dalla Cina, all’Europa.
La montagna dentro edito da Laterza, è la sua prima fatica letteraria (maggio 2015). Un libro in cui Hervé racconta se stesso, la sua storia, la passione, la fatica, l’emozione delle scalate. Un libro in cui l’alpinista viene dopo l’uomo che pure affronta imprese straordinarie. Nelle sue pagine non si trova la scontata esaltazione di un campione dell’estremo, piuttosto cosa si nasconde dietro l’avventura dell’alpinismo, dove il coraggio delle decisioni è sempre intrecciato alla fragilità e alla paura. In parete come nella vita.

 

 

“Tempo fa ho detto che l’alpinismo era fallito, ma oggi dico no, non è vero, perché ci sono giovani come Hervé Barmasse. Hervé è capace di trovare l’avventura sulle Alpi e non solo in Himalaya o in Patagonia. Giovani come lui, difendono i valori veri dell’alpinismo tradizionale. Tempo fa ho detto che ci sarebbero mancati giovani che fanno cultura dell’alpinismo, ma oggi dico no, ci sono ancora”Reinhold Messner





Formazione

Istruttore nazionale delle Guide Alpine dal 2007
Guida alpina dal 2000
Operatore del soccorso Alpino Valdostano dal 2000
Maestro di sci dal 1996 e di snowboard dal 1997
Allenatore federale di sci dal 1998
 

 

Hervé Barmasse – Prime ascensioni

Marzo 2014
Cervino Matterhorn 4478 m – Primo concatenamento invernale e in solitaria delle 4 creste del Cervino. Partenza dal bivacco Bossi, salita dalla cresta di Furggen per la via degli strapiombi (prima solitaria invernale della via) e discesa dalla cresta dell’Hornli, per poi attraversare la base della parete Nord e salire nuovamente per la cresta di Zmutt. Discesa dalla cresta del Leone.

Marzo 2014
Cervino / Matterhorn. Prima solitaria invernale della cresta di Furggen per la via degli strapiombi durante il concatenamento delle quattro creste del Cervino compiuto il 13 marzo 2014.

Luglio 2013
Patagonia. Prima invernale al Cerro Pollone. Prima salita assoluta e prima invernale di due cime del gruppo dei Colmillos.

Luglio 2012
Pakistan, Sing Gang Galcier/ Snow Lake. Prima salita di tre cime inviolate; traversata del Muki peak 6330 m circa, salita e discesa con gli sci di una cima di 5966 m sul versante orografico sinistro del Sing GFang Glacier e salita di una cima minore delle Solu Tower di 5880 m.

Settembre/ottobre 2011
Monte Rosa – Parete Sud-Est – Via nuova aperta con mio padre, Marco Barmasse – 800 m, Ed – Terza e ultima tappa del progetto Exploring The Alps.

Agosto 2011
Monte Bianco – Via nuova sul pilastro di sinistra del Brouillard – La Classica Moderna – no spit – max 6c -300 m di sviluppo. Dopo l’apertura della via, con Iker ed Eneko Pou, abbiamo continuato fino in vetta a Mt. Bianco dove abbiamo deciso di bivaccare per aspettare l’alba. È la seconda via della trilogia Exploring The Alps.

Aprile 2011
Cervino Matterhorn 4478 m –Parete Sud – Via nuova aperta in solitaria – 1200 m – Difficoltà: ABO.

Luglio 2010
Cina – Shaksgan Valley – Prima salita in stile alpino di una cima inviolata di 6300 m – Venere Peak. 2000 m – ED.

Marzo 2010
Cervino/Mattherorn 4478 m – Parete Sud – Via nuova – Couloir Barmasse 1200 m – M…duro. ABO.

Gennaio 2010 – Febbraio 2010
Pakistan Shimshal Valley. Prima salita di alcune cascate di ghiaccio. Formazione e insegnamento delle tecniche di sicurezza e progressione ai portatori, uomini e donne di Shimshal, presso la Shimshal Climbing School1.

Gennaio 2009
Patagonia – Hielo Continetal Sur – Nuovo itinerario di traversata del terzo ghiacciaio più grande della terra da Est a Ovest, durante il tentato raggiungimento del Cerro Riso Patron per compiere la salita del pilastro Sud.

Settembre 2008
Cina. Muztag-hata Area – Miky Sel 6250 m prima salita assoluta della montagna in stile alpino.

Luglio 2008 – Agosto 2008
Pakistan – Bekka Brakai Chhok ( 6940 m) – Prima salita assoluta della montagna in stile alpino
(partenza da 4750 m difficoltà ED+ – due giorni con rientro diretto al Campo Base).

Gennaio 2008 – Febbraio 2008
Patagonia – Cerro Piergiorgio (950 m) – Via nuova sull’inviolata Parete Nord Ovest: “La ruta dell’hermanno” (1.100 m di sviluppo 6b+/A3 ED+).

Settembre 2007
Cervino – Prima solitaria dello Spigolo dei fiori – Via Machetto.

Aprile 2007
Cervino – Prima solitaria e prima ripetizione della Parete Sud del Cervino per la Via “Direttissima”.

Febbraio 2006 – Marzo 2006
Patagonia – Cerro San Lorenzo (3706 m) Via nuova, parete Nord, Caffè Cortado.
Patagonia – Cerro Poincenot (3201 m).
Patagonia – Aguya Guillaumet (2571 m).

Ottobre 2005
Cervino – Prima salita in solitaria della Via Deffeyes (ED 1300 m di sviluppo) in meno di quattro ore.

Giugno 2005 – Luglio 2005
Pakistan – Scudo del Chogolisia – Nuova via: “Up and down” (800 m di sviluppo, difficoltà 6c obbl – 7a e A1, in libera 7c).
Pakistan – Nuova via di ghiaccio misto su cima inviolata: “Fast and Fourius” (700 m di sviluppo).
Pakistan – Prima salita assoluta in solitaria di una cima inviolata (6000 m circa ) sulla Costiera del Faerol Peak.
Pakistan – Naysar Brakk (5200 m. circa) per la Via Inglese.

Gennaio 2005
Dent d’Herin – Parete Ovest – “Ammazza Geko” (800 m di sviluppo, difficoltà Ed IV+/5) prima ascensione.

Giugno 2004
Pakistan – Sheep Peak (6300 m) – Via Nuova.
Pakistan – Scudo del Chogolisia (5700 m circa) – Nuova via in stile alpino “Luna Caprese” (1000 m di sviluppo 6b/c obbligatorio).

Marzo 2004
Cervino – Parete Sud – Prima ripetizione invernale della via “Padre Pio prega per noi” (1000 m di sviluppo, difficoltà 6c / 7a max).

Luglio 2003
Pizzo Badile – Parete Sud – Nuova via: “Ringhio” (370 m di sviluppo, difficoltà Ed – 6c obbligatorio).

Febbraio 2003
Dent d’Herin – Parete Ovest – “Petit Lumignon” (800 m difficoltà IV/4), prima ascensione.

Ottobre 2002
Cervino – Parete Sud – Prima solitaria e seconda ripetizione assoluta della via “Casarotto Grassi” (ED 1300 m di sviluppo).

Ottobre 2001
Breithorn (Massiccio del Mt. Rosa) – Parete Ovest – Nuova via di misto: “Via del Freind” (ED 600 m di sviluppo).

 

Agosto 2000
Cervino – Parete Sud – Nuova via: “Per Nio” (350 m di sviluppo 6a+ obbligatorio).

 

tratto dal sito ufficiale: www.hervebarmasse.com

 



HERVE' BARMASSE ed il Cervino, legame d'amore